Intervista a Angelo Tonin

Le interviste su Giocare in Scatola proseguono. Questa settimana abbiamo il piacere di avere qui con noi Angelo Tonin, autore esordiente di uno dei giochi più attesi del Modena Play 2018: Symphony.

[Ricardo] Ciao Angelo, benvenuto su Giocare in Scatola. Grazie per il tempo dedicatoci e congratulazioni per l'uscita di Symphony.

[Angelo] Ciao, è un piacere. Grazie a voi.

[Ricardo] Andiamo subito alla ciccia: Symphony. Quanto tempo ti è servito per arrivare alla versione definitiva?

[Angelo] L’idea di Symphony nasce nel Giugno 2015 e il primo prototipo era pronto il mese dopo.
Lo sviluppo è proseguito fino a Novembre 2016 nei ritagli di tempo. A Gennaio 2017 ho avuto la fortuna di incontrare l’editore Doppio Gioco Press, che ha creduto molto nel progetto.
Nonostante la struttura di gioco fosse già solida, con lo sviluppatore Davide Malvestuto abbiamo ampliato ulteriormente le possibilità offerte dal gioco. Ad esempio è grazie a lui se si riesce a far giocare un range di giocatori che va da 2 a 6.

[Ricardo] La tematica musicale è sentitissima nel gioco sia da un punto di vista strumentale che proprio teorico. Come mai questa scelta? Sei per caso musicista?

[Angelo] Non sono musicista, ma ho cercato di documentarmi quanto possibile per mantenere le meccaniche aderenti all’ambientazione. A tutti i musicisti che incontro sconsiglio di giocarci, per non fare la figura del somaro musicale. xD

Un orgoglioso Angelo Tonin

[Ricardo] Una delle cose che ci hanno colpito di più di Symphony è il fatto di avere due fasi di gioco ben distinte (preparazione orchestra e piazzamento note). Questo aspetto del gioco è stato presente sin dalla prima versione o è stato introdotto in un momento successivo?

[Angelo] Era presente fin dalla prima versione: l’orchestra si prepara molto prima dello spettacolo, accorda gli strumenti, si sente quel miscuglio di suoni senza una vera armonia. Poi, quando il direttore li richiama all’attenzione, parte la magia e iniziano a suonare insieme. Volevo creare una sensazione simile fin dall’inizio.

[Ricardo] Symphony è stato pubblicato da Doppio Gioco Press. Come è stato il relazionarsi con loro? Secondo te il fatto che sono una realtà in crescita ti ha permesso di ottenere particolari libertà che magari da una major non avresti avuto?

[Angelo] Non ho idea come sia collaborare con una major. Parlando con altri autori di giochi mi è parso di capire che il rapporto con ogni casa editrice è diverso. Il rapporto con Doppio Gioco Press è stato di reciproca fiducia. Non sono di certo mancate discussioni su alcuni aspetti dello sviluppo, ma sono molto soddisfatto del risultato editoriale ottenuto.

[Ricardo] Quante persone ti hanno aiutato nel playtesting di Symphony? Vuoi fare una menzione particolare a qualcuno?

[Angelo] Ne ho perso il conto. Di certo i più importanti sono stati i playtester della prima ora: Luca, Filippo, Paolo e Silvia. E poi molti amici dell’associazione MagnoGato nella fase finale.

Lo spartito di Symphony

La parte di tabellone dedicata all'orchestra

[Ricardo] Passiamo a domande un po' più personali.
Quali sono le meccaniche che apprezzi di più in un gioco da tavolo? Quali invece ti hanno un po' stufato e dalle quali ti tieni alla larga? Come mai?

[Angelo] Prediligo le meccaniche di asta, piazzamento lavoratori e gestione risorse. Nessuna meccanica mi è andata a noia, anche se mi tengo alla larga dai giochi di Deduzione, ma solo perchè su quelli sono una vera frana.

[Ricardo] La passione per i giochi da tavolo dove nasce? Sei un giocatore di vecchia data o ti sei affacciato di recente a questo hobby?

[Angelo] La passione per i giochi da tavolo nasce da bambino, consumando i giochi MB regalati dai parenti a Natale. Spietate partite a Monopoly a 2 giocatori nei primi anni delle elementari con il mio amico Luca, tutt’oggi mio acerrimo sfidante. E poi l’apice raggiunto alla fine delle elementari con Hero Quest. Seguono 10 anni di letargo ludico per risvegliarsi grazie ai Coloni di Catan intorno al 2002 e di lì a poco Puerto Rico, Agricola e poi il collasso della diga, sommergendomi di giochi di tutti i tipi.

[Ricardo] E ora anche per te le domande di rito.
Prima di tutto la tua top 5 di giochi, escludendo ovviamente Symphony.

[Angelo] Seasons, Cyclades, Puerto Rico, Agricola, Terra Mystica.

[Ricardo] Tra i blog/vlog monitorati da Giocare in Scatola, hai qualche preferenza? Segui spesso qualche sito per rimanere aggiornato anche sui "giochi degli altri"?

[Angelo] Per rimanere aggiornato occorre soprattutto giocare, quindi occorre trovare e frequentare un compratore e giocatore compulsivo di giochi. Tuttavia tenersi informati non fa mai male, per questo ho seguito per molto tempo Giochi sul nostro tavolo, ILSA e Tocca a Te. Nell’ultimo anno ho scoperto i simpaticissimi Boardgame Friends, Dado Critico, Balena Ludens, River Forge Project. “Il mondo è bello perchè è Mario” è una interessante finestra sul settore, soprattutto nelle polemiche del mese. Attualmente quando mi interessa qualcosa cerco in rete senza una particolare predilezione.

[Ricardo] E anche questa intervista è giunta al termine.
Come sempre invitiamo i lettori a farci sapere eventuali curiosità o domande da rivolgere direttamente ad Angelo.
Un sentito grazie ad Angelo per la disponibilità e la simpatia. E ovviamente un augurio di in bocca al lupo sia per Symphony che per il futuro come game designer.

[Angelo] Grazie mille.

L'utilizzo dei testi e delle immagini contenuti nei Guest Post sono soggetti a licenza Creative Common.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Il gestore del portale e l'autore del Guest Post non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Questo è un Guest Post.
Su Giocare in Scatola chiunque può scrivere il proprio articolo. Se sei interessato a pubblicare sul nostro portale una tua recensione, una tua esperienza o un punto di vista contatta la redazione.

L'autore

Ricardo
In questo articolo si parla di:

I numeri di Giocare in Scatola

  • 84 blog monitorati
  • 3197 schede gioco
  • 3435 video
  • 33197 post